Certificazione delle competenze

Sono certificabili, secondo le procedure previste dal DRIVE, solo le Unità di Competenza (UC) presenti nel Repertorio Regionale dei Profili Professionali anche se non associate alle qualificazioni del Repertorio Regionale delle Qualificazioni ricomprese nel Quadro Nazionale delle Qualificazioni Regionali (QNQR).

Il singolo cittadino ha diritto al riconoscimento e alla certificazione delle competenze, comunque esse siano state apprese, ossia:

– in contesti di apprendimento formale – attuato all’interno del sistema di formazione e che si conclude con il conseguimento di un titolo di studio o di una certificazione;

– in contesti di apprendimento informale – risultante da attività quotidiane, legate al lavoro, alla famiglia e al tempo libero;

– in contesti di apprendimento non formale – caratterizzato da una scelta intenzionale della persona ma attuato in contesti diversi da quelli tipici dell’apprendimento formale (es. volontariato, Servizio Civile, ecc.).

A seconda del contesto in cui le competenze sono acquisite, variano le procedure, i tempi e i costi previsti per la certificazione delle competenze stesse. Ciò che è sempre previsto è il superamento di un esame dinanzi ad una commissione pubblica, composta da almeno 4 membri.

Le certificazioni / attestazioni rilasciate dalla Regione Basilicata hanno valore sull’intero territorio nazionale.

Nelle more della piena attuazione di quanto disposto dal DRIVE, per le Commissioni d’esame vige quanto previsto dalla DGR n. 467/2017. Per la richiesta di nomina di Commissione d’esame, il soggetto attuatore è tenuto ad utilizzare l’apposito modulo di richiesta.

Normativa

– DRIVE (approvato con la DGR n. 744/2016, così come modificata e integrata dalla DGR n. 845/2017)

– Procedure e standard minimi di prestazione, attestazione e sistema dei servizi di individuazione e validazione e certificazione delle competenze, Linee guida (approvate con la DGR n. 845/2017)